QUATTRO CHIACCHIERE IN SPENSIERATEZZA

il mondo di stregaluna,un luogo dove rilassarsi e fare quattro chiacchiere in compagnia

14/01/11

il profumo della Liguria...

dopo aver ricordato i profumi,gli odori e i sapori che evocano in me la Toscana e la Calabria,oggi voglio aggiungere un'altra regione,che conosco poco,ma per i luoghi incantati sul mare e nel suo entroterra,è meravigliosa:la Liguria.

Avendo vissuto gran parte degli anni al confine proprio con la Liguria,fuggivo spesso al di là del mio "confine"e passavo giornate meravigliose,sul mare delle Cinque terre,una delle quali è la mia preferita,oltre Monterosso,che è Manarola.Ma,oltre i ricordi stupendi del luccichio del mare che lì è sempre garbatamente increspato,ci sono anche i profumi della cucina di Maria,evocanti sublimi(a dir poco)morbidosi e succulenti "sgabei"fritti,riempiti con prosciutto crudo,e pranzi a base di pasta al pesto,dai cui piatti si sprigiona il delicato ma non troppo profumo di basilico e aglio fresco.
Ed è per questo che voglio scrivere la ricetta del pesto,rigorosamente fatto da Maria ,amica di vecchia data di Sarzana.
Non so se è proprio la ricetta del "vero"pesto alla genovese,ma so con la massima certezza che è da leccarsi i baffi e da fare anche qualche bis (o tris)
ingredienti
basilico fresco 1 bella manciata
olio extravergine di oliva 1/2 bicchiere
6cucchiai di parmigiano reggiano e 2 di pecorino
2spicchi di aglio
1cucchiaio di pinoli
in sostituzione dei pinoli,noci 2o3
qualche grano di sale grosso
RIGOROSAMENTE:mortaio di marmo e pestello in legno(oggi si usa il frullatore,che si fa prima,ma qui scatta la divisione in 2 partiti:quelli del mortaio e quelli del frullatore)

allora,si lava il basilico,si mette ad asciugare su un canovaccio,intanto si batte nel mortaio 1spicchio di aglio ogni 30 foglie di basilico(Maria è un pò maniacale),si aggiunge qualche grano di sale grosso,poi si aggiungono le foglie di basilico.
si inizia a mescolare delicatamente,e a battere le foglie nel mortaio,fino a che non uscirà il succo verde del basilico.
A questo punto si aggiungono i pinoli,che si amalmagheranno in una cremina viv via sempre più consistente,alla quale aggiungeremo i formaggi grattugiati.Alla fine si aggiunge l'olio,versato a goccia ,mentre continueremo a mescolare.
A questo punto,il pesto è pronto da gustare

per"musica in cucina"ascoltiamo un meraviglioso "Tutu"di Miles Davis

Nessun commento:

ciao!troviamoci anche qui!

commenti e saluti